Skip to content

La luna e…. le bottiglie di vino

22 aprile 2009

Posso sentire Pavese irrequieto (mi aspetterei un suo commento immediato se non fosse morto da quasi 60 anni) alla mia azzardata scelta per il titolo di questo post, ma questa notizia mi ha piuttosto scosso. Non e’ tanto il fatto che un giornale riporti una notizia pseudoscientifica cercando di conferirle una qualche validita’, ma il fatto che sia la BBC a farlo!

In questo articolo si riportano gli effetti della luna non solo sull’imbottigliamento del vino, ma anche sulla sua degustazione! Non contenti, coloro che propugnano questa teoria parlano anche degli effetti dei pianeti, che modificherebbero sostanzialmente il sapore del vino. Partendo da queste basi, una signora tedesca, Maria Thun, da molti anni stila un calendario in cui specifica quali siano i giorni favorevoli e quelli sfavorevoli per la degustazione del vino. Addirittura, all’interno della stessa giornata si possono trovare due periodi completamente opposti. Immaginate di bere un bicchiere di ottimo barolo: appena versato si tratta di un vino eccezionale, poi passa il minuto, si entra nel periodo successivo e il liquido si trasforma in tavernello scaduto!!! MMMhhhhhh.

Ma procediamo con ordine: qual’e’ il meccanismo “fisico” che provocherebbe queste variazioni di sapore? Secondo i fautori della teoria sarebbe l’effetto gravitazionale della luna e dei pianeti sul vino. Essi sostengono che il vino sia una sostanza viva (se intendono che e’ soggetta a mutazioni, sono d’accordo con loro su questo punto, ma questa definizione si puo’ applicare a qualunque cosa… anche l’uranio arricchito sarebbe una sostanza viva secondo questi parametri) e che quindi sarebbe soggetto ai ritmi lunari come gli esseri umani. Il fatto che tutti gli esperimenti scientifici fin’ora non abbiano trovato alcun riscontro nei cosiddetti bioritmi sembra ininfluente per queste persone.

I sostenitori della teoria dicono che, se la luna ha un effetto cosi’ importante sulla terra, tale da generare le maree, dovrebbe avere un effetto simile anche su persone e… vini. Ooooocheiiii? Vediamo, in che modo la luna provoca le maree sulla terra? Esse sono provocate dalla differenza di forza di gravita’ esercitata dalla luna sui punti piu’ vicini e su quelli piu’ lontani sulla superficie terrestre. Sappiamo che la terra ha un raggio medio di poco inferiore a 6400 km e quindi un diametro medio di circa 12800 km. Sappiamo anche che la forza di gravita’ e’ inversamente proporzionale al quadrato della distanza dal punto su cui viene esercitata e direttamente proporzionale alle masse dei due corpi, ma per questa discussione possiamo anche ignorare quest’ultimo contributo. Concentriamoci quindi sulla distanza. Vi e’ anche il fatto che la luna ruota attorno alla terra, ma, contemporaneamente, la terra ruota attorno alla luna (il loro baricentro si trova un migliaio di chilometri sutto la superficie terrestre). Con calcoli e modelli non troppo difficili ma abbastanza complessi si giunge a mostrare che tutto questo provoca un innalzamento del livello del mare sia nella zona “sotto” la luna (non proprio sotto a causa della rotazione della terra, la rivoluzione della luna, effetti inerziali ecc.) che in quella esattamente opposta. E questo spiega il motivo per cui abbiamo due maree ogni giorno. Il sole entra in gioco con la suo posizione relativa alla luna, amplificando o riducendo questo effetto, ma per semplicita’ ignoriamo anche questo.

Ora, considerando che l’effetto della luna sulla terra, considerando una distanza tra i punti su cui agisce di circa 12000 km, e’ quello di innalzare la massa d’acqua di un massimo di 13 metri (con l’aiuto del sole e di particolari condizioni), quale sara’ il suo effetto su di un essere umano, in cui la distanza tra i punti piu’ estremi puo’ essere al massimo di circa 3 metri (4 milioni di volte meno)? Ricordiamoci che l’effetto e’ proporzionale al quadrato di questa distanza! Direi che questa variazione e’ piuttosto contenuta, per usare un eufemismo. Se poi prendiamo la nostra bottiglia di vino media, questa e’ considerevolmente piu’ piccola di un essere umano medio. Un bicchiere e’ ancora piu’ piccolo.

Quindi faccio molta fatica a credere nell’agricoltura biodinamica (quanto sono ampie le maree in una carota?) e tutte queste teorie new-age (che pare essere sinonimo di pseudo-scientificita’) che legano la gravita’ della luna e dei pianeti (i quali, incidentalmente, hanno un effetto piccolissimo, cfr. l’effetto del quadrato della distanza) su persone e alimenti.

Questo vuol dire che non credo che il vino abbia un sapore diverso a seconda di quando lo si gusta? Assolutamente NO! Sono sicuro che la degustazione del vino sia legata al momento della degustazione (a causa di fenomeni atmosferici come alta o bassa pressione, umidita’ ecc.), al luogo della degustazione (presenza di odori forti, rumori fastidiosi che ci distraggono dalla degustazione e altro) e allo stato della persona (siamo in salute? abbiamo mangiato cibi con sapori forti? siamo a digiuno? ecc.). Sono, invece, estremamente scettico sull’oroscopo del vino ;-)

10 commenti leave one →
  1. 23 aprile 2009 22:30

    Probabilmente, anzi quasi sicuramente, è una fesseria. Ma non c’è niente di male a raccontarla e credo faccia sorridere un po’tutti. Non è ruolo della scienza castigare le stupidaggini.
    Ciao
    S&P

  2. 23 aprile 2009 22:54

    Ciao Sudorepioggia.

    Hai ragione, due volte. La prima quando dici che non c’e’ niente di male nel raccontare qualcosa (o nel credere qualcosa), ovviamente finche’ non si fanno danni (e non e’ certo il caso dell’articolo che citavo). La seconda quando dici che non e’ il ruolo della scienza quello di castigare. In effetti cercavo di mostrare il punto di vista scientifico della cosa, forse con un po’ di ironia e sarcasmo, ma senza voler castigare.
    Anzi, se qualche sostenitore di queste teorie volesse partecipare alla discussione la cosa diventerebbe interessante. Non credo nei dibattiti a cui partecipi solo una delle parti in causa (va un po’ contro la definizione di dibattito ;-))

    Grazie per il commento!

    • claudia permalink
      19 settembre 2009 20:56

      ciao! Sai che comico…pensa che ho trovato il tuo post perché cercavo ulteriori informazioni sugli effetti della luna sulle attivitá quotidiane. Ti ringrazio per le spiegazioni (chiarissime! E se lo dico io, che sono tarda…). peró…ehm…scusa…io capisco che scientificamente non ci siano spiegazioni a favore…ma…come dirtelo…io uso il calendario di Maria Thun da anni…anzi, adesso non mi serve nemmeno piú, perché mi accorgo se la luna é in un giorno “umdio” o “secco” senza nemmeno guardare il calendario. Piú che altro odio i lavori domestici. E cosí, se nei giorni d´acqua si lava tutto meglio, perché non approfittarne e pulire i pavimenti, che faccio in un blitz (certo, poi non si asciugano mai…eh eh)? O perché non stendere in un giorno di luna “secca” che cosí non mi rimane lo stenditoio in bagno una settimana? O fare una dieta disintossicante con la luna calante, che ha dieci volte piú effetto di quella fatta con la luna crescente? Certo, sono sciocchezze, ma aiutano a migliorare la mia qualitá di vita, e poi non faccio male a nessuno. Vivo con A., fisico teorico, mooolto piú scettico di te, all´inizio. Sai come ho fatto a spiegargli quello che avevo imparato empiricamente? Ho tagliato una mela a metá, il giorno prima della luna piena, e l´ho lasciata un paio di giorni sul tavolo della cucina. Ho ripetuto il tutto con la luna nuova. Stesso tipo di mele (tanto passano solo 2 settimane…). ecco, ho ancora le due foto, dopo anni…
      peró io non voglio convincere nessuno! Io mi tengo quello che negli anni ho “sperimentato”, e di solito non voglio fare adepti! Ma siccome quello che ho letto qui mi sembra scritto in modo intelligente, garbato ed educato (e pure divertente!), ho deciso di dire la mia!!!
      Un salutone!!!
      claudia

      • 20 settembre 2009 18:59

        Ciao Claudia,

        grazie per il tuo commento. Mi fa piacere ricevere commenti che aggiungono argomenti alla discussione!
        Con il mio articolo non volevo assolutamente criticare chi fa uso di questi calendari e si affida alle fasi lunari per decidere quando fare qualcosa. Come dici tu, non si fa male a nessuno a seguire i cicli lunari o gli oroscopi. L’origine del mio commento era nata dal fatto che la sezione “Scienza” del sito della BBC avesse riportato questa notizia fornendole una validita’ scientifica.
        Detto questo, non nego che la Luna eserciti degli influssi biologici sugli animali e, di conseguenza, sull’uomo, in quanto risulta essere un comodo ‘strumento di misura del tempo’.

        Sono molto curioso riguardo al tuo esperimento per convincere il tuo compagno. Se hai voglia parlamene e cerchero’ di ripeterlo qui da me… sono necessarie due mele ed un coltello, se non ho capito male…

        Anche il mio intento non e’ certo quello di fare adepti, ma di stimolare un discorso aperto e sereno, il piu’ possibile libero da pregiudizi e, da scettico o ‘empiricista’, supportato da evidenza sperimentale. In quanto scettico, sono io il primo a sapere di non possedere la verita’, ma per forma mentis sono alla continua ricerca di nuova conoscenza.

        Spero parteciperai anche in futuro a queste mie piccole discussioni e scambi di idee (ho visto il tuo altro commento al mio post piu’ recente, ma quello richiede un po’ di riflessione in piu’ ;-)

        Ciao!!

  3. claudia permalink
    22 settembre 2009 14:01

    ps: io non credo agli oroscopi
    claudia

  4. 22 settembre 2009 14:55

    Non volevo insinuare che credessi agli oroscopi, era solo un esempio un po’ estremo. Rileggendo il mio commento pero’ vedo che non era molto chiaro, chiedo scusa.

  5. claudia permalink
    29 gennaio 2010 11:17

    Mannaggia!! Mi ero dimenticata di mettertile foto dell´esperimento con la mela (eh eh non credo che tu abbia pianto, per questo ;-))
    Comunque, nel frattempo, guarda te come si evolvono le cose, nella vita…
    le ho messe qui!
    http://www.ilpastonudo.it/guarda-che-luna/
    ciao!!!
    claudia
    PS: vedi che anche se abbiamo idee diametralmente opposte lo sbircio, il tuo blog? Perché mi sembri comunque “a modo”, come diceva la mia vecchia prof di italiano…

  6. claudia permalink
    29 gennaio 2010 11:23

    scusa, ho visto solo ora che avevo fatto un errore nello scriverti la mia mail. Non era voluto ;-)

    • 29 gennaio 2010 12:57

      Ciao Claudia,

      sono contento che tu sbirci ancora il mio blog. Dopotutto e’ qui per questo: per scambiare idee e confrontarsi e questo non e’ possibile se si hanno idee che combaciano (mi viene un brivido di orrore solo a pensare ad un mondo in cui tutti la pensassero come me… ;-)). L’importante, come dici tu, e’ discutere “a modo” :-)

      Interessante il tuo esperimento con le mele. Vedro’ di farlo anch’io… magari non con la mela che ho in frigorifero ora, pero’, perche’ ormai avra’ raggiunto la fossilizzazione :-D

      Nessun problema per la l’indirizzo di email… l’unica effetto e’ stato il ritardo nella pubblicazione dei tuoi commenti.

  7. claudia permalink
    29 gennaio 2010 14:45

    PS: attento al link…é un covo di streghe!!! ;-)
    claudia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: