Skip to content

Cerume o cera? Ma c’era?

12 gennaio 2010

OK, probabilmente questo merita un premio per il titolo piu’ stupido della storia! L’argomento, pero’, e’ piuttosto serio! Ascoltando podcast e legendo blog di noti gruppi di scettici negli Stati Uniti e in Australia (ma piu’ in generale nel mondo anglosassone), si sente spesso parlare di “ear candles”. Fin’ora non me n’ero occupato perche’, non avendone mai sentito parlare nel nostro “bel paese”, speravo fossimo immuni da questa particolare forma di pseudoscienza (per non voler usare il termine che, in molti casi, sarebbe piu’ appropriato: truffa). Purtroppo mi sbagliavo! Dopo una breve ricerca con le parole-chiave “candela per orecchie” o “candele auricolari” sul Noto Motore Di Ricerca, ho trovato diversi negozi niueig’ (new-age ;-)) online che le vendono ad ignari acquirenti, insieme ad una pletora di altri prodotti dal prezzo elevatissimo e dall’utilita’ nulla. Diversamente da altri prodotti appartenenti a questa categoria (ad esempio le “memorie energetiche”!!!???!!) le candele auricolari sono molto dannose per la salute, oltre a non apportare ALCUN beneficio!!!

Di cosa si tratta? Sono candele (immagino l’aveste intuito) che si infilano nelle orecchie dal lato opposto allo stoppino (e fin qui tutto e’ ovvio). I produttori di questi prodotti perversi asseriscono che il calore e il bruciore (giuro che su un sito ho trovato scritto proprio questo!) rinforzino il sistema immunitario (“linfatico”, sul sito di cui sopra) e riequilibrino la pressione dei seni. Inoltre la differenza di pressione generata (da cosa? dal calore? dal fatto che il povero candelabro umano stia ululando dal dolore?) dovrebbe asportare le scorie (aahh, il termine magico!) attraverso l”‘effetto camino” (?). Sara’ un caso che i camini, abitualmente, non siano costituiti di materia vivente e danneggiabile dalle alte temperature? Il calore e la pressione dovrebbero, inoltre, provocare una “impercettibile vibrazione” sul timpano, che si trasmetterebbe a tutti gli altri componenti dell’orecchio liberandoli dalle scorie (e due!).  Siccome le candele auricolari avrebbero un effetto sull’equilibrio (compromissione irreversibile?) questi siti consigliano di usarle sempre in entrambe le orecchie (anzi, gli orecchi, come riportato da loro); e cosi’ ce le siamo giocate entrambe! Alcuni affermano che tagliando quello che rimane della candela nella cavita’ al suo interno si trovera’ un liquido ceroso che loro affermano essere cerume. Stranamente chi ha fatto un esperimento usando la candela in modo sicuro (leggi: il piu’ lontano possibile da qualunque cavita’ auricolare e in modo completamente diverso da quanto scritto sulle istruzioni) ha ritrovato lo stesso liquido. Ovviamente si tratta di cera e non di cerume. Quindi, tornando a quanto detto sopra, queste candele non producono alcun effetto positivo! Oltretutto il timpano e il condotto uditivo hanno bisogno di cerume come lubrificante e antibatterico (vedere qui)

Il buon senso, a questo punto, dovrebbe essere sufficiente ad evitare l’associazione “cera ustionante”-“timpano”. Nel caso non lo fosse, il seguente video dovrebbe rendere le cose piu’ chiare:

Si’, e’ Jessica Simpson dolorante, con una candela in un orecchio e un suo “amico” che la filma e la deride mentre lei urla di dolore!

Quindi:

  • Utilita’: zero (potrei forse anche usare valori negativi)
  • Pericoli:
    • Ustione al timpano e potenziale perdita dell’udito temporaneamente o permanentemente
    • Accumulo di cera solidificata nel condotto uditivo con conseguente necessita’ di estrarla (se siete davvero arrivati a questo punto mi auguro che vi affidiate ad uno specialista!)
    • Ustione conseguente al fatto che i capelli sono un materiale combustibile e che quindi non e’ una buona idea metterli a contatto con una fiamma viva

Morale? Se qualcuno vi consiglia una di queste candele, mandatelo a quel paese anche da parte mia! E avvisate tutti quelli che conoscete della pericolosita’ di questi “ritrovati miracolosi” che vengono addirittura consigliati da periodici diffusi, ad esempio donna moderna, e magari scrivete in massa a queste riviste chiedendo che facciano indagini piu’ accurate.

7 commenti leave one →
  1. david permalink
    24 aprile 2010 14:51

    le candele servono per estrarre il cerume -.-

    • 27 aprile 2010 10:25

      Ciao David.

      Permettimi di non essere d’accordo (a meno che il tuo commento non fosse ironico ;-)). Le candele servono per:

      – Fare luce
      – Creare atmosfera
      – Alcune possono essere usate per profumare gli ambienti
      – Come accessori per funzioni religiose
      – Come sorgente di calore in determinati piatti regionali (vedi “Bagna cauda” piemontese ;-))
      – …

      Sicuramente NON per estrarre il cerume.

  2. Gibba permalink
    15 giugno 2010 17:00

    Spettabili signori quello che vedete sono scochezze.
    Le candele auricoari fanno molto, ma devono essere fatte da persone che sanno quello che fanno.
    Il metodo delle candele e valido e risolve molti problemi.
    Non tutti sanno che viene fatto nelle beauty farm, sia in Italia e Austria.
    Andate sui motori di ricerca e digitate “pulizia delle orecchie beauty farm” rimarrete stupiti.
    Io eseguo la pulizia delle orecchie a domicilio.

    • 15 giugno 2010 17:41

      Grazie per il commento, Gibba. Ovviamente non cambia minimamente la mia idea sulle candele, visto che non porti prove a sostegno delle tue ipotesi:

      – “le candele auricolari fanno molto”: per favore proponimi degli studi scientifici (ovvero pubblicati su giornali medici e “peer reviewed”) che sostengano la tua tesi.
      -Cosa vuol dire “persone che sanno quello che fanno”? Se queste persone sapessero quello che fanno (ovvero avessero conoscenze di fisica e fisiologia) saprebbero che il meccanismo proposto per il funzionamento delle candele auricolari non puo’ portare alcun effetto, se non possibili ustioni
      -Il fatto che venga proposto da beauty farm in Italia e Austria (e in molte altre nazioni, sono pronto a scommettere) non vuol dire assolutamente nulla: i rimedi omeopatici vengono venduti da molte farmacie in tutto il mondo, cio’ non toglie che non siano altro che acqua e zucchero.
      -Difficilmente rimango stupito da quello che mi propone la pagina dei risultati dei motori di ricerca. Prova a cercare “Società della terra piatta”, magari rimarrai stupito tu ;-)

      Aspetto tue nuove prove a favore e, se saranno convincenti, ti prometto che rianalizzerò le mie posizioni sulla questione

      • 20 ottobre 2010 14:33

        Gibba credimi. Se stessi passando quello che sto vivendo io per colpa di quelle maledette candele cambieresti idea. Arrivo da un secondo appuntamento con l’otorino, quindi non uno che si improvvisa, e non sono ancora riuscita a liberarmi dal tappo di cera colato nel mio condotto uditivo. Considera che il calore della cera ha prodotto una ustione pertanto finchè non sarà guarita non potrammo cercare di rimuovere il tappo. Dovrò tornare sapendo già che proverò parecchio dolore. La speranza è che il tutto non abbia lesionato il timpano. Per ora andrò avanti con gli antibiotici, locali e per via orale, e quando l’avventura sarà finita non cercherò più di rimuovere il cerume dalle orecchie. State ettenti e NON usate le candele di cera. Mo

      • 20 ottobre 2010 14:56

        Grazie, Mo, per la tua testimonianza, che aiuta nella battaglia per creare consapevolezza sulla pericolosita’ (e infondatezza) di questi “rimedi”.

        Buona fortuna e tanti auguri di pronta guarigione.

  3. lucius65 permalink
    10 febbraio 2013 15:27

    In effetti mi sono sempre chiesto come potessero funzionare . . e un paio di volte ho dovuto fare da assistente a chi voleva provarle a tutti i costi. La candela conficcata nell’orecchio brucia e fa un pò di fumo ma sicuramente non ha la forza di aspirare il cerume sottostante e la fiamma per ovvie ragioni non può scendere/entrare fino nell’interno dell’orecchio per bruciarne il contenuto. Ovviamente costano . . e pochi si azzarderanno a sprecarle per fare la prova di bruciarne una nel portacenere e per così finalmente scoprire che quella massa scura di cera annerita sul fondo della candela si forma comunque . . una delle tante fregature con effetto placebo . . ma la mente umana ha bisogno di queste cose anche a costo di peggiorare la situazione . . mah

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: