Skip to content

Il sisma che sposto’ l’asse terrestre

3 marzo 2010

Un ricercatore del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA, Richard Gross, insieme ai suoi colleghi ha calcolato l’effetto che il recente sisma in Cile ha avuto sul nostro pianeta.

Attraverso un modello piuttosto complesso e utilizzando i dati pervenuti fin’ora i risultati sono, a prima vista, piuttosto sorprendenti: l’asse terrestre e’ stato spostato e la durata del giorno modificata!

OK, niente panico, procediamo con ordine e andiamo a vedere cos’e’ successo! L’asse terrestre e’ stato effettivamente modificato da questo terremoto, dopotutto si e’ trattato di un terremoto molto violento, magnitudo 8.8, e in queste condizioni e’ normale che la distribuzione della massa terrestre venga modificata un po’. Ecco quindi che, come un pattinatore (visto che siamo ancora in frenesia post-Vancouver) varia durante le piroette la sua velocita’ e asse di rotazione muovendo le braccia, anche la Terra si trova ad avere il suo cosiddetto asse di figura spostato di 8 cm a causa del movimento improvviso delle placche a seguito del sisma.

Sempre questo spostamento delle masse e’ responsabile della variazione della velocita’ di rotazione del nostro pianeta (l’esempio del pattinatore e’ sempre valido) e quindi ora la Terra sembra ruotare leggermente piu’ in fretta, cosa che causa una riduzione della durata delle nostre giornate di… [rullo di tamburi]… 1.26 milionesimi di secondo.

Questi effetti non sono di certo un’esclusiva di questo terremoto, ma comuni a tutti i sismi di intensita’ elevata, come ad esempio quello di Sumatra del 2004 (il titolo del post e’ volutamente provocatorio!).

Questi calcoli sono ancora preliminari e man mano che nuovi dati perverranno agli scienziati si potranno ottenere valori piu’ accurati, ma l’effetto del sisma sul moto del nostro pianeta non credo debba essere causa di perdita di sonno! Ovviamente questo non deve far dimenticare che il terremoto ha creato gravi danni e vittime (anche se in numero inferiore a quello di Haiti).

Condividi:

3 commenti leave one →
  1. Pierangelo permalink
    18 marzo 2011 21:33

    Ho letto accuratamente il tuo articolo ma ho capito che : si e’ spostato (8 cm) l’asse di figura della Terra, conseguentemente (effetto pattinatore) e’ variata la velocita’ di rotazione del globo …. ma non c’e’ traccia di affermazioni circa lo spostamento dell’asse terrestre ( quanti cm ? ) … se c’e’ stato … ma c’e’ stato ? Forse tra le righe si puo’ capire ma io non sono un fisico o comunque non ho gli ”strumenti” adatti a penetrare meglio la spiegazione . Mi faresti il grande favore di chiarire , diciamo, alla romana , tera tera ?
    Ciao

    • 20 marzo 2011 23:22

      Ciao Pierangelo.

      Io non sono un sismologo o un geologo, ma leggendo da varie fonti accreditate (leggi, non giornali generalisti ;-)) sembra che effettivamente vi sia stata un’altra piccola variazione nella posizione dell’asse di rotazione. Dico un’altra perche’ il mio articolo si riferiva al precedente grande terremoto, quello in Cile dell’anno scorso. Ogni evento di questa portata provoca leggere modifiche alla dinamica del nostro pianeta, oltre ai grossi danni su scala umana. Detto questo, bisogna anche tener presente che l’asse di rotazione terrestre, oltre ad essere un nostro costrutto astratto che ci permette di studiare i movimenti terrestri, e’ in continuo lieve movimento causa dell’interazione sul nostro pianeta di Luna e Sole, che con la loro forza di gravita’ sono in grado di provocare oscillazioni, dette nutazioni. Inoltre l’asse terrestre ruota, con un periodo di circa 26000 anni, formando un cono (immaginario, anche questo e’ una nostra astrazione). Per semplificare, possiamo immaginare la terra come una trottola in rotazione: se osserviamo bene la trottola, essa appare perfettamente bilanciata sulla sua punta, ma in realta’ l’altra estremita’ oscilla leggermente e descrive una rotazione che diventa sempre piu’ ampia al diminuire della velocita’. Sono due effetti simili a quelli presentati dall’asse terrestre.
      In generale, i normali movimenti dell’asse terrestre tendono ad essere maggiori di quelli che possono essere prodotti da un terremoto, anche di questa intensita’. Ciononostante essi vengono osservati e registrati dagli studiosi e riportati dai giornali, sempre interessati a stupire con qualche dettaglio in piu’ senza, pero’, andare molto in profondita’.
      Spero di essere stato chiaro, anche se un po’ logorroico.

      Ciao

  2. 21 marzo 2011 21:00

    Bene, grazie
    Saluti
    Pierangelo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: